martedì 31 luglio 2007

A.A.A.BABY-SITTER?

La settimana scorsa,ho messo un annuncio su un giornale,cito testualmente:
"Ragazza 23enne offresi come baby-sitter.Amante dei bambini,con esperienza,automunita e disponibile da subito fino a fine agosto.chiamare 347 xxxxxxx".
Ora,nonostante io sia una persona abbastanza ingenua-in gergo dialettale un totanon-il mio annuncio non mi sembra così fraintendibile,e invece...Invece oggi ho ricevuto un messaggio:"Ciao,ho letto il tuo annuncio,cerco una persona per accompagnamento giornaliero al mare".Io,da povera stupidotta credulona,gli ho chiesto di quanti bambini si tratterebbe,di che età,allorchè lui mi ha telefonato e ridendo mi ha detto:"Ehm...Il bambino sarei io,cerco una ragazza che mi accompagni al mare tutti i pomeriggi...Sono qui in vacanza da solo,ho visto il tuo annuncio...sarei disposto a pagarti anche 45/50 euro a pomeriggio...".senza parole...
Ma come funziona il mondo?ordini un caffè e ti portano un panino con la mortazza?vai ad operarti alle tonsille e ti svegli senza un rene?metti un annuncio per lavorare come baby-sitter e ti chiamano per fare la escort???Mah...mia nonna ha proprio ragione quando dice che in giro ci sono un sacco di malviventi,meglio girare con una bella forbice nella borsetta!!!

mercoledì 18 luglio 2007

NON SONO UN ASPIRAPOLVERE!




Ciao a tutti!
So che un post di presentazione sarebbe doveroso, ma non sono mai stata brava a riassumermi in qualche parola, perciò chi leggerà questo blog senza conoscermi spero possa farlo col passare del tempo, attraverso ciò che scriverò, attraverso i miei pensieri, i miei umori, le mie piccole istantanee di vita quotidiana... Chi mi conosce, invece, spero non mi consideri più assurda di quanto già non faccia...

Innanzitutto, ci tengo a fare una piccola digressione sul titolo del blog; mi sono scervellata per giorni, ma alla fine ero soddisfatta, avevo trovato il titolo ideale. Come molti di voi sanno i caratteri a disposizione per il titolo non sono infiniti; ma io, nella mia testolina malata -e un po'ignorante a riguardo,lo ammetto- , ero convinta che avrei potuto decidere un titolo chilometrico, una frase che mi rappresentasse. Quindi mi ero immaginata qualcosa tipo: "vita, amori, pensieri e stranezze di un'aspirante stilista/scrittrice/disegnatrice/stiratrice di tanga/venditrice di spezie/winnie the pooh a disneyland/persona felice/forse madre..."e via dicendo. Ma tutti i miei sogni ad occhi aperti su titoli infiniti sono stati stroncati sul nascere, ovvero alla parola"aspirante". Perciò ho pensato: "qual'è la prima parola che ti viene in mente? ASPIRAPOLVERE!". E così è stato. Una parola composta, carina, che non pronuncio così spesso nella mia vita e probabilmente un po'strana in un contesto simile; con l'apostrofo, si, perchè, innanzi tutto sono una donna, e in secondo luogo, "aspirapolvere" sta, appunto, per "aspirante". E anche se ammetto che è un po'inusuale, anche se non so usare praticamente nessun elettrodomestico, anche se casa mia non fa rima con tecnologia perché non funziona mai niente e anche se non sono sicurissima che gli aspirapolveri abbiano dei pensieri, sono comunque convinta che il titolo sia adorabile!