venerdì 25 aprile 2008

FINE,TOTALLY FINE


Questa settimana sono stata sopraffatta dalla tristezza.Non è da me e oltretutto non è accaduto niente di particolare,semplicemente il pensiero di quanto siano piccole e insignificanti le nostre vite si è insinuato nella mia mente fino a permearmi di tristezza.So che non ho 15 anni,perciò la fase del"perchè siamo qui-da dove veniamo-dove andiamo"dovrei averla passata da un pezzo,ciononostante ogni tanto mi chiedo:che senso ha tutto questo?Nascere con l'unica certezza di dover morire un giorno,vivere,studiare,farsi il culo per raggiungere i propri sogni,o una determinata posizione sociale,creare una famiglia,inseguire la felicità per tutta la vita,come una chimera,e piano piano come è inevitabile che sia,vedere la gente intorno a sè che muore,si ammala di tumore,si ritrova di botto nella merda per una qualsiasi questione.E non sono nè pessimista nè paranoica,è che a volte,in mezzo ad una folla di gente,magari in facoltà,mi guardo intorno e penso:"non posso capacitarmi del fatto che in futuro molte delle persone che sono qui con me ora si ammalerà di cancro e probabilmente morirà,qualcuno verrà stroncato da un incidente stradale,qualcuno morirà per droga,qualcun'altro forse sarà colpito da una malattia rara,qualcuna di queste donne è stata o sarà vittima di violenze..."so che sembra malato e paranoico,ma non è questo il punto,il punto è che statisticamente è impossibile che quella moltitudine di gente-io compresa-non venga mai a contatto con nessuna di queste(e mille altre)cose orribili di questo mondo.ed è una cosa che mi rattrista in modo incredibile,e a questo punto mi chiedo,che senso ha tutto questo?quanto siamo piccoli e insignificanti?E' disarmante,siamo solo minuscoli esseri che tentano di vivere dignitosamente,essere felici e possiamo solo sperare che le disgrazie non capitino mai a noi e ai nostri cari.E' così debole la vita umana,sono così tante le cose terribili che ci possono succedere,e tutto questo a volte mi annienta.

But i'm fine,totally fine.
************************************************************************************
Comunque sia, è ora di gioire,domani si parte!Destinazione : Udine,far east film festival,in compagnia di B-anale(hahaha) e il caro Fuse!Non ho avuto tempo e modo di documentarmi a dovere riguardo al programma (a Firenze mi sembra di stare nel Paleolitico:niente internet,niente rai-quindi niente TG seri-,niente ferro da stiro e via dicendo) ,ma so che tra qualche ora,il Maestro saprà istruirmi a dovere durante il tragitto!C'è un film che mi incuriosisce "Fine,totally fine" una commedia ironica ma realistica,e il fatto che sia una commedia,nella fattispecie una commedia giappponese,non poteva che attirare la mia attenzione,perchè so quanto i giapponesi possano essere demenziali!Purtroppo è il primo della giornata,perciò lo perderemo di sicuro!Sono un po'elettrizzata,non sono mai stata al far east film festival e nemmeno a Udine,e sono soddisfatta dei miei compagni di viaggio!Ora vado a dormire,è tardissimo ed è stata una giornata allucinogena,su un treno con 65 minuti di ritardo,affollato di gente allucinante tra cui napoletani che parlavano una lingua-perchè il napoletano è una lingua-incomprensibile,un aspirante ma timoroso frate di 30 anni che incontra per caso un frate di 22 che ha preso i voti da tre...but i'm fine,totally fine!

domenica 6 aprile 2008

♥LIB(E)RI-AMO♥


Sono cresciuta in una casa piena di libri,unico lusso che la mia famiglia da sempre si concede;il problema era che fino a poco più di un anno fa,non avevamo una libreria,solo qualche scaffale nella mia stanza e in quella di mio fratello,per il resto erano scatoloni,mobili,armadietti;ogni cassetto,piano d'appoggio,ogni angolo libero strabordava di libri,era quasi comico!Una delle cose che ricordo chiaramente della mia infanzia è l'odore che mi travolgeva ogni volta che aprivo il mobiletto del salotto,l'odore di pagine stampate molti anni prima,magari sfogliate da mia madre lustri prima di me,l'emozione che provai quando mia mamma mi passò il suo adorato "Pattini d'argento" con la copertina rotta,le pagine ingiallite e quel profumo di carta,di sentimenti inchiostrati,quel non so che di affascinante che hanno solo i libri posseduti da qualcuno.Ogni libro è un mondo a sè stante,leggerlo è come viaggiare,scoprire posti sconosciuti,immaginare vite,persone,è emozionarsi,conosere,ridere,soffrire,capire.Da piccola sono stata anch'io una piccola donna,ho pianto di disperazione per l'ingiustizia della schiavitù rannicchiata in una capanna insieme allo zio Tom,mi sono intenerita di fronte alle "torture culinarie"a cui era sottoposto il povero "cuore di ciccia";ho pianto lacrime amare insieme alla dama in rosa disarmata dalla tenerezza e saggezza del piccolo Oscar,ho rabbrividito impotente all'ira perversa di Tsugumi,ho girovagato ubriaca per una fascinosa new york notturna in compagnia del giovane Holden,mi sono scoperta ermafrodita all'età di 14 anni insieme a Calliope,ho sofferto per le sfortune di Oliver Twist,ho amato Romeo fino alla follia suicida con Giulietta,mi sono buttata sotto un treno con Anna Karenina,ho scoperto la forza e la debolezza delle donne con Simone de Beauvoir,ho avvertito la nausea delle cose,delle persone,dei movimenti con Sartre,sono stata stregata dal piccolo principe,sono stata a consolarmi da Tiffany dopo una brutta giornata insieme ad Holly nell'america splendente degli anni '50,ho osservato Gatsby struggersi per Daisy in silenzio...E molti altri sono i viaggi in cui mi sono imbarcata,e ancor più numerosi quelli che mi aspettano.Credo che una persona che non legge si neghi possibilità infinite e inimmaginabili,per questo sono felice di essere cresciuta in mezzo a tutti questi libri,che abbiano contriubuito a fare di me quella che sono,di averli scoperti pian piano e di averne ancora troppi da conoscere,da cui imparare,su cui riflettere,che vale la pena di leggere,ecco perchè,come diceva Renard,"quando penso a tutti i libri che mi resta da leggere,ho la certezza di essere ancora felice".