venerdì 22 agosto 2008

ONIRICUM


************************************************************************************

Questa volta sono un uomo,steso sul letto a pancia in giù, devono essere le due del pomeriggio circa,dalle tende scure filtra un po'di luce ogni qualvolta il soffio leggero del vento del mare apre prepotentemente uno squarcio in questa stanza,come se volesse entrare. Dalle veneziane candide, sottili lame di luce fendono l'oscurita frantumandola in rettangoli luminosi che si stagliano netti sul pavimento di marmo bianco. Lei è perpendicolare al mio corpo,con la testa appoggiata sulla mia schiena,le braccia abbandonate sul letto; forse è nuda ma un groviglio di lenzuola immaccolate la copre fin sotto le spalle. Non parliamo. Sento il peso dei suoi lunghi capelli neri sulla mia schiena, ascolto l'impercettibile rumore sincronico del suo respiro e penso a lei, penso ai suoi occhi leggermente a mandorla ma di un inatteso verde scagliato di blu,alle sue mani piccole e dotate di una grazia che prima di lei non conoscevo e non credevo possibile,alla sua bocca perfetta,di un rosa che non esiste in natura, penso ai suoi capelli neri,forti,sinuosi e sensuali e mi chiedo se anche la sua anima sia così, forte, sinuosa e sensuale; mi chiedo se le persone finiscano,se ci sia un limite invalicabile oltre il quale si conosce una persona come si conoscono le lettere dell'alfabeto e mi rispondo di si, ma con lei no,con lei il limite invalicabile si abbassa drasticamente alla lettera M e ,forse, è proprio questo che mi affascina di lei, il fatto che non so assolutamente cosa ci sia dopo la M...

************************************************************************************

Mi sveglio e sono tornata donna...chissà cosa si prova ad essere un uomo innamorato.

5 commenti:

carpe diem ha detto...

i tuoi sogni sono affascinanti

carpe diem...

Anonimo ha detto...

Mariooo...a tiè proprio fulminà!

Miss E.. ha detto...

Ma gli uomini si innamorano?? Ah, già..era solo un sogno...

Anonimo ha detto...

Prendi una matita, spezzagli la punta e piantatela nella parte sinistra del petto. Ecco, è questo che si prova ad essere un uomo innamorato.

miwako ha detto...

@anonimo: è così che ci si sente ad essere un uomo innamorato?vorrei tanto dare un nome a quest'uomo con il cuore sanguinante