martedì 2 settembre 2008

UN'OTTIMA ANNATA


Oggi è il primo settembre, per me è come l'inizio di un nuovo anno. Le giornate si sono fatte improvvisamente più corte, le notti improvvisamente più fredde, e tra un po', come ogni anno, l'autunno mi sorprenderà in un giorno qualunque, lasciandomi stupefatta per quell'irriproducibile esplosione di colori. Quella appena trascorsa è stata decisamente una buona estate: il sole, il mare, gli amici, le interminabili serate a chiaccherare, il povero Stè all'ospedale e le foto da "Week-en con il morto",il sole e il mare della Toscana, la notte bianca a Volterra, le risate, i mojito,gli spuntini notturni, la nutella, le sigarette,una mia amica si sposa tra poco,i nuovi coinquilini, qualcuno che se ne va due settimane in transilvania, qualcuno che rimane a collezionare serate storiche, ospiti attesi ma mai arrivati, svuotare gli armadi dalle cose inutili, pulire casa, Elì che se la dorme di brutto sul mio soporifero divano mentre Sara ed io guardiamo Arancia Meccanica sul divano verde, dormire abbracciata a Sara, sognare che Katie Holmes è la mia migliore amica, sognare che la mia parrucchiera mi taglia i capelli sotto le orecchie con quattro peli davanti che simulano l'ombra di una frangia e me li tinge di giallo uovo,specchiarmi e constatare in preda alla disperazione che sembro un cavallo con i capelli che Shirley Temple aveva all'età di 70 anni, sentire che il sogno è così reale che quando mi sveglio mi accarezzo i capelli per la felicità di trovarli li.
Sarà perchè sono una studentessa, perciò in estate il periodo di pausa dagli impegni scolastici è piuttosto lungo, sarà per quella strana malinconia che la fine dell'estate mi infonde da sempre,o forse perchè per la prima volta l'estate non mi è scivolata dalle mani come un pugno di sabbia nel giro di pochi secondi, fatto sta che mi sembra un nuovo inizio, mi sento carica, ho una gran voglia di ricominciare, di studiare, di trovarmi un lavoro, di programmare l'Erasmus. E oggi, tanto per cominciare, vado dalla parrucchiera. Niente giallo uovo però,solo un nuovo taglio di capelli.

4 commenti:

carpe diem ha detto...

purtroppo questa estate a me è volata via, non sono una studentessa e le mie giornate sono scandite da orari e da persone che non sempre ci sono.
speriamo che la prossima sia con meno impegni , non sempre voluti.
ps.e quello che mi dispiace è di non essere nella tua estate come un tempo

Miss E.. ha detto...

se non ci fossi stata tu probabilmente a quest'ora sarei già morta...

miwako ha detto...

@ carpe diem:anche a me dispiace fango,è triste pensare che fino a qualche anno fa eravamo inseparabili.purtroppo siamo cresciute,le nostre vite hanno preso strade diverse,ma sappi che io ci sono,anche se non passiamo più tanto tempo insieme

@miss E.:Non si pone il problema Cicin,io sono qui,sia che tu arrivi in lacrime, sia che tu arrivi sorridendo

carpe diem ha detto...

è triste.
lo so siamo cresciute e le strade prese ci portano lontane