lunedì 15 giugno 2009

ONE IN A MILLION


Pensate mai al futuro? Come vi vedete tra dieci anni? Ultimamente me lo chiedo spesso, l'ho chiesto anche ai miei amici; qualcuno mi ha risposto " con dei figli, una famiglia e un bel lavoro"; qualcun altro " Con un lavoro qualunque. e magari fotografa nel tempo libero"; qualcuno si vede ancora in casa con i propri genitori e piena di gatti"... Io semplicemente non mi vedo. E' così difficile per me immaginarmi. Posso fare delle ipotesi su come vorrei che fosse, su cosa per me rappresenterebbe il massimo. Ma non riesco proprio a vedermi. Da dove viene questa mancanza di certezze? E' la società così incerta, precaria, corrotta che non ci permette di contare sul futuro? O siamo noi che non sappiamo più ciò che vogliamo, che non siamo più in grado di lottare per qualcosa? Credo faccia parte della vita il non sapere cosa troveremo aprendo la prossima porta, svoltando ad un nuovo angolo, arrivando all'ennesimo incrocio, ed è una cosa magnifica. Ma a volte mi chiedo se sia normale il fatto che io non riesca a vedere nemmeno il mio volto, dove sarò, chi mi sarà accanto se i miei sogni si realizzeranno, e chi ci sarà se non lo faranno. Forse è solo la paura che i miei sogni non si realizzino, la giustificata paura che ciò per cui sto lavorando ogni giorno non si concretizzi. O forse ho proprio paura di farcela. Paura di ottenere ciò che desidero ed accorgermi che non è abbastanza. E non si tratta di soldi, successo, affermazione, è la paura che quando i miei sogni diventeranno realtà, nessuna delle persone che amo sarà con me a condividerli, magari sarò chissà dove, lontano da casa, dalla mia famiglia, e tutto ciò che potrò fare sarà una videochiamata con skype per dire "Ehi mamma, ce l'ho fatta!", per poi andarmene a dormire in un appartamento vuoto. E qual'è il senso di tutto questo? Sudiare, laurearsi, fare qualche stage, corsi all'estero o magari un master, fare una gavetta quasi decennale per arrivare, infine, dove hai sempre voluto essere: in cima alla tua personale montagna. Ma guardati intorno, chi c'è vicino a te? Quante persone hai perso lungo il cammino? E chi è li con te invece, testimone della realizzazione dei tuoi sogni, sono le stesse persone cui hai silenziosamente affidato le tue speranze molti anni prima, sotto una pioggia di stelle cadenti? Con chi festeggerai tutto ciò, con un collega di lavoro in una città lontana chilometri da casa o con chi ha visto il tuo sogno nascere e maturare, con chi ti ha visto crescere, con chi ti ha aiutato, sostenuto, consigliato, con chi ha creduto in te quando non eri che un cumulo di speranze e incertezze? Allora, forse, la domanda giusta non è "Come ti vedi tra dieci anni?" ma "Cosa sei disposto a sacrificare per realizzare i tuoi sogni?" Se dicessi niente, suonerebbe utopistico, per non dire surreale, ma se dovessi dire un sogno, il più grande che io possa immaginare, quello che nel 99% dei casi si rivela irrealizzabile, quello che, sono sicura, ognuno di noi custodisce dentro di sè con la paura che sia troppo anche solo pensarlo, sarebbe arrivare in cima a quella montagna e trovarvi le persone che amo.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

As a caster, resist wow gold the temptation to tough it out and let mobs (monsters) get up in your face. Wands put out fairly healthy DPS (damage per second), and you'll do more damage wanding than cheap wow gold you will whacking things with your melee weapon. Besides, using your wand helps you get used to keeping your distance; you're wearing cloth armor and should avoid taking direct hits whenever buy wow gold possible. Wands also give you an efficient, effective finish for fights. You can finish off runners without having to physically chase them down, and polishing off that world of warcraft gold last bit of damage without using mana gives you a head start on regenerating for the next encounter.
In the war of the human and the orcs 10,000 years ago, only a piece of azeroth surrounded wow gold 5000 by the sea boundless huge land, this continent called kalimdor. Many different RACES and creatures living in this land, and the bad natural environment. In the darkness silkroad online gold of the mainland center is a full of mysterious energy, the lake lake -- it was called the well of eternity - is the whole world of magic and natural silkroad gold source of energy from the outside world, in the boundless darkness, drawing energy of the well of eternity to SRO gold the whole world continuously to release its energy in the world, for all kinds Lineage1 adena of biological provide nutrition.

carpe diem ha detto...

FANGO,QUANTE DOMANDE TI 6 POSTA IN QUESTO POST...MA SONO QUESITI NORMALI CHE ANCHE IO MI SONO POSTA CHISSA' QUANTE VOLTE.
IO AVEVO PAURA DEL FUTURO,ORA LO VIVO MEGLIO E MI VEDO NELLA MIA CASA CHE TANTO HO DESIDERATO, E SAI COSA VORREI POI?
CHE TU FOSSI PIU' VICINA, CHE POSSIAMO VIVERE I MOMENTI + BELLI DELLA NOSTRA VITA INSIEME E NON DIVISE COME ORA.
SPERO DAVVERO CHE TU ARRIVI FINO IN FONDO ALLA MONTAGNA E NON DA SOLA IN UN FREDDO APPARTEMENTO LONTANE KM.

Anonimo ha detto...

una su un milione..

Anonimo ha detto...

Bellissimo post...
io qualche tempo fa ho provato a immaginarmi "da grande"...all'inizio mi sono vista Joey Potter...dopo qualche settimana Fabio Volo...e allora ho preferito smettere di pensarci!!Sofia

miwako ha detto...

@fango: Lo spero tanto anch'io, forse sarò davvero una su un milione...
@Sofia:vuol dire che avrai la barba, la bocca storta di joey. la calvizie e sposerai tom cruise?ahahahahahhaaa sto scherzando! cmq non farti spaventare se a 25 anni starai ancora pensando "Chissà dove sarò tra dieci anni", tutto normale!!!

Anonimo ha detto...

Hellо there, You hаve done аn
іncгediblе job. I will dеfinitely digg it and personally recommend to mу friends.
I'm sure they'll be bеnefiteԁ from this
websіte.

my page :: military grade iphone cases