venerdì 13 agosto 2010

PENSIERO DELLA BUONANOTTE




Qualcuno ha detto che la notte è la parte migliore del giorno. Ma che cos'è la notte? La gestazione di un nuovo giorno, o l'ultimo respiro di un giorno già morto? Impossibile rispondere; il giorno, la notte, sono come l'infinito. Dormire, pensare, fare l'amore, piangere, parlare, sognare, qualsiasi cosa sia per ognuno di voi, la notte ha in sè qualcosa di speciale. Provate a pensare alle stelle, qualunque cosa voi stiate facendo, avete la certezza che alzando gli occhi al cielo, aprendo una finestra, uscendo da un posto qualunque, le troverete li, splendenti come diamanti, a prescindere da ogni cosa. Non è semplicemente straordinario? E allora buonanotte a chi non c'è più, a chi sta lavorando, a chi sta facendo l'amore, a chi sta parlando sotto una coperta di stelle, a chi sta litigando, a chi dorme, a chi soffre d'insonnia, a chi rimane sveglio per il pianto di un bambino, a chi è tromentato dai rimorsi, a chi pensa che domani è un altro giorno, a chi fuma l'ultima sigaretta sul terrazzo, a chi aspetta il rientro di qualcuno, a chi si addormenta leggendo un libro, a chi non dorme mai senza calzini, buonanotte e basta. Qualunque cosa significhi per ognuno di voi.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

buona notte a te che non dormi mai prima dell'alba.
anonimo veneziano

carpe diem ha detto...

durante la notte io penso alle persone che amo,alla persona che ho vicino al letto,a chi mi ha lasciato...io vado a letto molto prima dell'alba,ma è dura addormentarsi...