domenica 12 settembre 2010

SE M' INFASTIDISCI, TI MACELLO!!!

Avete presente quando siete in coda al semaforo, circondati da un fracasso assordante, e proprio davanti a voi un camion a triplo rimorchio ha deciso di dare sfogo alla propria ugola inquinante? Ecco, il rumore che sento è lo stesso. Solo che io non mi trovo nella via più intasata del centro alle 6 del pomeriggio, ma nel mio letto; e non sono le 6 del pomeriggio ma le 4 di notte; ultimo ma non meno importante, a produrre tal suono non è un camion a rimorchio (dormire in compagnia di un camion a rimorchio acceso sarebbe un po'troppo strano anche per me), bensì un russatore seriale. Come è noto a chi ha la (sempre immeritata) sfortuna di dividere il letto o una stanza con un russatore seriale, di fronte al suono primordiale e inumano di tale specie, si apre una raggiera di opzioni che spaziano dal fantastico, al surreale, alle volontà omicide. In ordine sequenziale sono:
A) Ora smette. Un essere umano non può produrre rumori così abominevoli!
B) Magari può, magari non smette, ma di certo non può aumentare... Forse se fingo sia il mugghio del mare mi addormento...
C) Perchè la terra non si apre sotto di me e mi inghiotte? Perchè non mi cadono le orecchie?
D) Ok, preso atto del fatto che qualcosa si è impossessato di lui, forse è il caso di colpirlo dolcemente... perchè non c'è mai una mazza da baseball quando serve?! Dove sono tutti gli oggetti contundenti di questa casa???
E) Il cuscino potrebbe "distrattamente" scivolargli sulla faccia...Cosa si intende esattamente per "legittima difesa"? Potrò avvalermi della  "giusta causa" o del "giustificato motivo" in un processo per omicidio?

Dopo un'ora di ragionamenti di questa portata, a forza di pensare ai possibili metodi per farlo smettere che non includessero l'omicidio, impegnata a ridere in silenzio come una pazza mentre valuto seriamente la possibilità di improvvisarmi una Mc Giver al femminile in pigiama e costruire una carrucola per trasportarlo fuori dal balcone, mi sono resa conto che non stavo più ascoltando se lui stesse russando o meno. Tornata alla realtà ho realizzato che si era girato su un fianco e dormiva silenzioso come un bambino, ed io ho ringraziato il cielo di essere una psicopatica con una fervida immaginazione.

7 commenti:

Bimboverde ha detto...

un saluto da un russatore non so se seriale, ma comunque rumoroso !

AngS ha detto...

Grazie per la visita....
ho apprezzato.


AngS.

carpe diem ha detto...

oh fango che odioso sentire chi russa vicino al proprio fianco!capita anche a me ogni tanto sai che faccio ?un bel calcio non troppo forte,ma intanto si sveglia e si gira dall'altra parte

Carlotta ha detto...

..mi associo a Bimboverde, quando ero incinta russavo così forte (a volte) che mi svegliavo!

miwako ha detto...

@BimboVerde: Grazie a te, è un piacere leggerti e partecipare ai tuoi concorsi :D
@Ang: un saluto e complimenti, mi piace come scrivi!
@Carpe Diem: eh lo so, ma a volte un calcio non basta e ci vorrebbe davvero una mazza da baseball!!!
@Carlotta: in quanto non russatrice sono una profana in tema, ma so per certo che il mio ragazzo non ha l'attenuante di essere incinta XD

Aluccia ha detto...

ahahahahah! Ti capisco benissimo!

miwako ha detto...

@Aluccia: Dovremmo formare un gruppo di sostegno per le vittime dei russatori seriali :D