lunedì 16 aprile 2012

# 12 #

- Ma quanto sei alta? 
- Come l'ultima volta che ci siamo visti, dottore. E quella prima, e quella prima ancora.
- Se ti metti i tacchi diventi altissima, un metro e novanta sicuro!
- Infatti, come può vedere evito. Anche se mi piacerebbe. Le scarpe col tacco sono così belle, è un peccato che mi facciano sembrare un travestito.
- Hahahahaaa, è vero, sembreresti un travestito! Hahhahahaa!
- -_-

Quella tra me e il mio dentista è una relazione stabile e duratura.
Privata della mia consueta parlantina per ovvie ragioni logistiche, lascio parlare lui. Gli piace Tiziano Ferro, me lo dice sempre. E poi mi chiede cosa ne penso. Puntualmente, come ogni dentista che si rispetti, non smentisce la scoperta di Marc sulla categoria:
I dentisti sono incapaci di fare domande che richiedano semplicemente un si o un no come risposta.

Scendo da quella poltroncina che sono un'altra persona. 
Il mio dente ha cercato di fare harakiri ma non è morto.
Lo aiutiamo noi, il bastardo.
Arsenicale liberaci dal male.

Non c'è più nessuno in studio.
Sediamo sul divano in pelle della sala d'attesa, lui fuma il sigaro.
Io, libera da trapani e arnesi infernali, fumo una sigaretta e, finalmente, posso ripristinare la mia parlantina.
Attacca a parlare di donne.
Ecco.
Meglio rimandare alla prossima volta che sarò sotto i ferri a bocca aperta.

12.
Come le uova che la nonna di Me. usava per fare quella torta enorme e soffice a tal punto che sembrava di addentare una nuvola. Immagino, perché non ho mai avuto l'onore di assaggiarla. Rimango sempre affascinata dalle torte delle nonne, dalle ricette tramandate in famiglia, quelle che portano con sé le storie di generazioni intere.

Volevo parlar d'amore stasera.
Invece ho parlato di dentisti e torte propedeutiche all'impennata del colesterolo.
Anche per parlar d'amore, forse, è meglio rimandare al prossimo blocco della circolazione verbale.


3 commenti:

carpe diem ha detto...

ah ah ah..fango finalmente ti sei liberata dal tuo dolore ''dentistico''...io aspetto il prossimo post sull'amore...voglio una delle tue perle di saggezza tutte per me!

enzorasi ha detto...

La devitalizzazione chimica la uso anch'io ma non chiacchero mai così tanto...sul divano poi della sala d'attesa lo ritengo disdicevole.
Non capisco sta storia dei tacchi: usali se hai belle gambe e fregatene se il partner ti guarda dal basso.

miwako ha detto...

@ Carpe Diem: al momento, coi tempi che corrono, al massimo ho delle perle di delirio assoluto ^_^

@ Enzo: Sui tacchi, niente da ridire, dovrei usarli visto che mi piacciono; la verità è che, purtroppo, mi sento troppo alta, nei confronti del mondo intendo, mi sento a disagio, anche se mi piacerebbe non fosse così.
Per l'appropriatezza della chiacchiera da divano, frequento lo stesso dentista con tutta la famiglia da quando ero piccolissima, l'ho visto prima fare da braccio destro al Vecchio Maestro, poi rilevare lo studio; ci conosciamo da così tanto che sarebbe impossibile non avere quel tipo di confidenza.