domenica 15 aprile 2012

# 13 #

Io, mia madre, la amo proprio tanto.
Visceralmente, certo.
Ma anche con cognizione di causa, per la persona che è, esulando dal fatto che è mia madre.

Non ho mai capito il senso dei Thun. E' il gusto a sfuggirmi, più che il senso. Semplicemente, li trovo orrendi.
Angioletti obesi che somigliano in maniera inquietante ad Angela Merkel, orsetti (ricchioni) con sguardo truce e assassino, segnaposti a fiorellino degni del miglior bugigattolo di chincaglierie cinesi. Com'è possibile abbiano un successo e un prezzo tale?
Davvero, inorridisco alla sola vista.
Con quei colori viranti immancabilmente al giallo, sembra ci abbiano sputato spruzzato sopra dell'english breakfast tea.

Mia madre odia i Thun.
Come potrei non amarla profondamente anche per questo?


E' sabato, cavolo. 
Ne mancano 13.
Di giorni.
Quando 13 era il numero dei miei anni ero tendenzialmente bruttina.
Anzi, brutta. Punto.
Non che ora sia la sosia di Claudia Cardinale, ma diciamo che posso dire di essermi allontanata  degnamente dalla cozzaggine, in seguito ad una non meglio identificata evoluzione cignesca. Non meglio identificata in quanto, fondamentale, sono rimasta uguale. Stessi lineamenti, stessa corporatura, ma non si sa come l'ensemble risulta armonico, diversamente da allora. Sembro la me 13enne però photoshoppata, ecco.
Ma non si rinnega niente, non i capelli a fantaghirò, non i Levi's 501 con il punto vita ad altezze fantozziane, non le temibilissime tute in acetato, infiammabili anche a un chilometro da un'innocua pietra focaia.
D'altronde, non s'è mai sentito che essere un'adolescente negli anni 90 sia stato d'aiuto a qualcuno, fior fior di telefilm di ogni razza ed estrazione lo dimostrano ampiamente, da Dawson's Creek, regredendo a Beverly Hills fino al temibile Primi baci (per chi l'avesse rimosso, trattasi di improbabile e malriuscito tentativo di teen-drama ante-litteram alla francese).

Questo tredicesimo giorno, quindi, lo dedico alla mia mamma, all'imbarazzante adolescenza anni 90, ai Thun e a tutti gli abominevole soprammobili di dubbio gusto che infestano le nostre case.
 

8 commenti:

Gab ha detto...

le tute con effetto prospero*, pericolosissime!

ciao

*=Un prospero è inoltre, nella città di Roma, un fiammifero altrimenti detto "svedese" (wikipedia)

Stefania Orlando ha detto...

Pensavo di essere l'unica al mondo a trovare i Thun orripilanti.
Ma certo non mi era ancora balzata agli occhi tale somiglianza :-)))

miwako ha detto...

@ Gab: Non ho mai provato il brivido dell'autocombustione, all'epoca non fumavo, ma non oso immaginare quanti ragazzini si sono ritrovati in mutande in tre secondi!
Ma poi, brutte, con colori fluo accozzati a caso, al solo scopo di provocare una crisi epilettica in chi li guarda!

@ Arab(ellissima&bravissim)afelice: Finalmente! Ho amiche che impazziscono per i Thun! Credo sia una forma mentis, la stessa che porta ad adorare i sottopentola prima classe di Alviero Martini -_-

Venerabile Vetusto ha detto...

14... 13...
Al numero 2 e infine 1 saprò di te talmente che, al confronto, io mi risulterò un perfetto sconosciuto.
Finirà che una mattina vedendomi allo specchio, chiamerò la Polizia per scacciare l'intruso che sta facendosi la barba.

miwako ha detto...

Hai un senso del riserbo d'altri tempi. E' lodevole, al giorno d'oggi. Io, tendenzialmente, non conosco pudore; men che meno qui. Per paradosso, anche se qui non sembra, parlo tanto di tutto, poco di me.

Poi, in questo particolare periodo, mi sembra di conoscermi per la prima volta, sotto molti aspetti, ed è come se tutto dovesse venire in chiaro.

Terapeuticatartico questo mio scriveviscerare.

'Ccidenti, ho sbagliato casa, di nuovo. E' che il lavandino del tuo bagno è così comodo!

Pier ha detto...

bhe ... i Thun sono una mafia tipo HelloKitty, e Claudia Cardinale è nata il 15 aprile del 1938 e se le somigliassi sarei preoccupato :)

miwako ha detto...

Mi sono quasi sputata il caffè addosso dal ridere mentre leggevo il tuo commento XD
Forse è questa una delle segrete tecniche pittoriche usate per colorare i Thun, mica è english breakfats tea!

Tra cenere e terra ha detto...

Ah! Pensa un po', a me i thun piacciono... cantano soavi, con quell'arietta strafottente...credo che abbiano capito tutto...Il loro creatore è un dio (mio dio, che battuta, opss, doppia...)