mercoledì 28 novembre 2012

HOME-NESS(T)

E' strano trasferirsi.
Cambiare casa, lavoro, strade, odori. Cambiare le chiavi di casa, il miscelatore della doccia, le espressioni che assume il viso intento a parlare una lingua che non è la sua.

Stringo la maniglia tra le dita gelide, cercando di sollevare leggermente la porta, per attutire quel rumore strascicato che si ostina a fare ogni volta che qualcuno la apre. Entro piano, un po' perché i bambini dormono, un po' perché, anche dopo due mesi, continuo a sentirmi in punta di piedi in questa casa.
Appoggio la mia roba sul piano di marmo, che sento quasi caldo per quanto sono fredde le mie mani.
Mi tolgo le scarpe, senza chinarmi, senza slacciarle, oggi non ne ho voglia.
La porta della cucina è socchiusa; sento un saluto provenire dal suo interno, e penso che è impossibile non essere uditi quando la porta sfrega le unghie contro il pavimento.
E poi è inverno, tutti questi vestiti frusciano, scrocchiano, fanno attrito persino con l'aria.
Entro.
F. se ne sta sulla sedia girevole, col gattobuono abbarbicato addosso come non pensavo un gatto potesse fare, a guardare un film sullo schermo di dimensioni epiche del suo Mac.
Ha gli occhi leggermente provati, anche se la pelle del viso è, come sempre, tesa e luminosissima; i capelli ricci, arruffati, attorcigliati, e quei vestiti un po' troppo hippy che le stanno d'incanto pur non donandole minimamente. Non so se capite quello che intendo.
Parliamo.
Le dico che me ne vado.
Non così, a brutto muso; uso il tatto, la diplomazia, che non mi hanno mai fatto difetto.
Dice che le mancherò.
Anche a me mancherà.
E mancheranno pure i bambini, i gatti, i quattro piani di scale, e quell'aria di casa che un tempo deve aver custodito una felicità immensa.
Questo però non glielo dico.

F. piange, ogni tanto.
E' una bellissima persona, nonostante a volte abbia atteggiamenti a me assolutamente incomprensibili, ho una cieca fiducia nella sua buona fede.
Piange senza mai lamentarsi, lasciando sciogliere il dolore in qualche lacrima, ma con una dignità e una forza d'animo che non è conscia di avere.

E' quasi Natale, e lei sarà triste per il quarto anno consecutivo.

I bambini non lo sanno ancora che me ne vado.
Credo che A. sarà sinceramente sollevato dal fatto che io esca dalla sua vita. Ha poco più di una manciata d'anni ma sembra detestarmi dell'antipiatia più ingiustificata che io abbia mai visto. E. no invece, lei sarà dispiaciuta che io me ne vada. E' una di quelle persone con cui ho avvertito subito un feeling innato, anche se lei ha 10 anni ed io, di anni, ne ho quasi 20 in più.
Da poco è passato il suo compleanno.
Si è fatta regalare un ukulele, azzurro come il cielo.
E, con una timidezza che slaccerebbe il cuore di un pluriomicida, mi ha chiesto se le insegno a strimpellare.

La sera successiva al mio annuncio, di rientro dal lavoro, sul tavolo della cucina trovo un libro "apprendre l'italien"; E. l'ha scovato nella biblioteca della mamma ed ha deciso di iniziare a studiare l'italiano. Accanto c'è un foglio a quadretti con su scritto "Bonjour = Buon giorno; Bonsoir = Buonna sera" , e via dicendo.
In quelle rare occasioni in cui i nostri orari sono compatibili, rientro in casa ed E. si avvicina in punta di labbra per salutarmi e darmi un bacio, a volte ceniamo tutti insieme o ci raccontiamo le rispettive giornate.
Un paio di settimane fa, E. è venuta a portarmi un regalo; un suo vecchio quaderno, forse di seconda elementare, con i rudimenti utili per imparare il francese, tutti diligentemente e pazientemente trascritti dalle sue manine.
Chi mi conosce sa che a me, con queste cose, mi si crepa il cuore.

☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁  ☂ ☁

Credo sarà un sollievo poter fare una lavatrice quando ne ho bisogno, asciugare i capelli la sera, poter ballare, suonare l'ukulele, ospitare qualcuno senza sentirmi io stessa un ospite, prepararmi una cena anche alle dieci e mezza, o spignattare in notturna, senza preoccuparmi dell'incontrovertibile verità per cui cucinare si rivela un'attività tendenzialmente rumorosa.
Sono tutte cose che hanno sempre contribuito al mio benessere, al mio equilibrio, per lo meno negli ultimi anni, cose che mi sono mancate, a volte come terra sotto i piedi, in questi mesi di adattamento, cose che devo ritrovare, ricreare, se voglio che questo smetta di essere il posto in cui dormo e inizi ad essere il posto in cui vivo.

Quindi, a questo punto, direi che è ufficiale; vado a vivere da sola. O quasi.


10 commenti:

Mami ha detto...

Che bello Cesca! Dai che andrà bene ^^
E continua a scrivere mi raccomando ;)

miwako ha detto...

Lo spero! Anche perché sono al quarto trasloco in 4 mesi, e la cosa inizia ad essere un po' pesantina! E comunque grazie; il sostegno da parte di quelli che, davvero, sono gli amici di una vita, fa un gran bene ^_^
Fatti forza anche tu e non mollare, qualunque decisione tu prenda nella vita sai che hai una sostenitrice da queste parti!

Pier ha detto...

caspita, belle notizie, entusiasmo e cambiamenti, speranza e che altro (?) ... sogni, parole, pensieri ...
tutte cose rare di cui c'è sempre bisogno. :)

carpe diem ha detto...

fango la cosa più bella è leggerti e sentirti...so che tornerai il 22...ti aspetto così mi racconterai di questa nuova casa e che ''odori''avrà

Alice ha detto...

invidiaaaaa!!!!!

guidosperandio ha detto...

Ma... insiediata quindi in terra straniera? Giusto il tormentone: la fuga dei cervelli, i migliori se ne vanno?
Confesso: ci ho messo una punta di ironia. Questa didascalia necessaria, perchè mentre lo scrivevo non era visibile la mia faccia.
PS: Vergogna, il lungo silenzio. Il silenzio è dei morti e degli ingrati (Ma quest'ultima, dimmi che non l'ho scritta.)

miwako ha detto...

@ Pieeeeeeeeeeeeer: lo sai che sono una superpositiva (quando non impazzisco e divento sorprendentemente catastrofica)! Come stai?

@ Carpe Diem: Il 24 fanghetto, torno il 24. E ti racconto tutto :)

@ Alice: Tieni duroooooo! So che ora non puoi crederci, ma un giorno, tra non molto, avrai una casetta tutta tua pure tu ^_^

@ Venerabile Vetusto: I prodigi figlioli, prima o poi, tornano, e portano con sè un sacco di cose belle oltre alla cioccolata belga (nel mio caso). Hai ragione, faccio mea culpa, che non sono morta, tanto meno ingrata. Torno ad ammorbarvi, non temere. Stai bene? Ti abbraccio

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.